Oltre ai candidati voltagabbana, i trentini si ritrovano anche i “toncati”

Mentre Manuela Bottamedi si è preoccupata di lanciare un appello contro l’affollamento dei voltagabbana sul carro del (presunto) vincitore leghista, attirandosi le ire del pubblico, i trentini si sono chiesti cosa potesse nascondersi ancora nelle liste elettorali.  Cosa potrebbe aumentare la qualità della politica trentina in competizione? Forse i cittadini erano pronti a tutto  ma non non a dei “toncati”.  Ebbene sì, hanno riesumato anche quelli.

Stamattina al nostro gazebo un signore mi ha fatto notare questa triste novità che ho potuto verificare essere vera e non una fake news.

I “toncati” sono due delle punte di diamante della lista “Futura 2018” del capolista Paolo Ghezzi: l’ex assessore alla sanità Remo Andreolli e l’ex presidente di Trentino Trasporti l’avvocato Vanni Ceola.

Furono “toncati” dal mitico giudice Lucio Gardin durante le feste vigiliane del 2007 con i seguenti “capi d’imputazione” che riporto letteralmente qui di seguito. A Remo Andreolli furono contestati gli elevati costi della spesa pro capite della sanità trentina, il camion della risonanza magnetica, i costi esorbitanti per manager e consulenze milionarie a causa delle quali fu poi sanzionato dalla Corte dei Conti il direttore generale Carlo Favaretti. A Vanni Ceola il record di quattro anni consecutive di perdite a capo della Trentino Trasporti (2003: – 3,5 milioni di euro; 2004: -1,5 milioni di euro;  2005: – 1 milione di euro;  2006: – 5  milioni di euro).

REMO ANDREOLLI toncato assieme al direttore generale dell’azienda sanitaria Carlo Favaretti (testi di Lucio Gardin)

(…) Ma in mezzo a tanti cambiamenti, in mezzo a tanti dubbi, per fortuna ci sono ancora delle certezze! Una de queste l’è che la Sanità Trentina la fa pù acqua de n’autopompa dei vigili! Adesso, mi per fortuna no me ne entendo de medici e ospedali (…). Però, no serve esser en genio per capir che nella Sanità ghè qualcos che no va! L’assessore Remo Andreolli voleva fare una radiografia della situazione, ma quando i ga dit che per na radiografia ghe vol 3 mesi, el s’è fat far n’autocertificazion dal Favaretti.. Savè quale l’è la spesa pro capite del 2006 per la Sanità trentina? 1.847 euro a testa! A questo punto la domanda l’è: Ma dove vai a finir tutti sti soldi? (…) In manager e consulenze milionarie! (…) E parlando di sprechi de denaro… vogliamo parlare del camion per la risonanza magnetica parcheggiato al S.Chiara? Che me nonno che el s’è stranì perché «di solito dove ci sono parcheggiati i camion si mangia bene». Sapete concittadini quanto ci costa quel camion per la risonanza parcheggiato al S.Chiara? 23.000 euro più iva alla settimana! E sol de Aci park! No dai.. 23mila euro alla settimana de costo vivo.. (…) Ma non sono tutti quà i problemi cari concittadini! C’è anche la fuga dei pazienti che vanno a farsi curare fuori regione. E per arginare questa fuga di pazienti cos’ha pensato la premiata ditta Favaretti & Andreolli? De aumentar i medici? De rinforzar i reparti? De metter qualche infermiera en topless? No! I ha fat dei cartelloni pubblicitari da tacar sui muri! come el Poli quando el gà le offerte! (…) Però cari concittadini.. il manager Favaretti e l’assessore Andreolli hanno un merito: di essere riusciti laddove non è riuscito nessuno: far embestialir contemporaneamente: medici, infermieri, sindaci, dirigenti, rappresentanti del distretto sanitario, e anca i pazienti! Disente che i è riuscidi a compattar mez trentino che prima no se parlava gnanca.. Un merito sociale el ghe và riconosù… E quindi, siccome mi son en Giudice magnanimo, diria che el Carlo Favaretti e el Remo Andreolli no i va toncadi.. per loro direi che si rende necessaria una «riorganizzazione del sistema sanitario attraverso immersione nel fiume Adige». Giannizzeri! A nome de tutti gli infermieri del Trentino, TONCA! Carlo Favaretti e Remo Andreolli! Ogni medico trentino non sa cosa farebbe senza di loro! Ma i se lo sogna tutti da anni! 

VANNI CEOLA toncato  (testi di Lucio Gardin)

(…) E passiamo oltre…Cari concittadini, questo l’è el quarto anno che fago la Tonca…Quattro anni in cui le Vigiliane le ha aumentà el numero de spettatori…Savé cosa significa questo aumento? Savè cosa significa 4 anni de bilanci positivi? Significa che el presidente delle Vigiliane no l’è el Vanni Ceola! Adesso.. mì no capiso niente de economia… (…) Ma nella me ingnorantitudine penso che: Se na Società Pubblica come Trentino Trasporti l’è en perdita per 4 anni de fila.. e mì ghe rinnovo el mandato al presidente, i casi sono due: O devo cambiar lavoro o devo mettere en po’ pù de tabac nelle sigarette.. Trentino Trasporti nel 2003 l’ha pers 3 milioni e mezzo di euro. Nel 2004 i ha perso 1milione e mezzo di euro. Se vede che i ha mes i lucchetti ai telefoni! Nel 2005 l’è nada mejo e i ha perso sol 1 milione di euro. I averà mess sotto ciave anca la macchinetta del caffè… Però nonostante le avversità, nel 2006 la Società è riuscita con uno sforzo a recuperare terreno chiudendo l’anno con un buco di quasi 5milioni de euro! Che el Ceola l’ha ciapà anca el premio produzione. (…) Ora, a uno che amministra na Società en questo modo cosa vot dirghe? «Ma te trovevet così mal a far l’avvocato?» (…) In una intervista su L’Adige Vanni Ceola l’ha dit «Il bilancio è addirittura più positivo rispetto a quello precedente» Po’ i gà spiegà che la domanda la se riferiva al bilancio della Società e non al suo personale. Sempre nella stessa intervista l’ha dit che tra le cause del buco record della Società ghè anca l’inprevedibilità del costo del gasolio! Eh certo.. el gasolio l’è na spesa imprevista per na Società de Trasporti.. «Va a pensar tì che le corriere le va ancora gasolio!» E l’apoteosi l’è sta quando el Ceola l’ha dit – parole testuali – «Le perdite sono frutto di contingenze sfavorevoli».. Ma dai.. el s’è desmentegà de lezzer l’oroscopo.. Branco e le Stelle.. Vanni e le corriere.. (…) Tuttavia bisogna anca capirlo.. No l’è fazile risponder ai giornalisti che te domanda resoconti della Società. Perché ormai nol sa pù cosa enventarse: el costo del gasolio, le malattie dei dipendenti, el terremoto, le cavallette.. Ultimamente quando i ghe domanda qualcos, el tol su le cartelle «imprevisti e probabilità» del Monopoli: «Dunque.. abbiamo avuto spese impreviste perché ho dovuto pagare la tassa sul lusso di Vicolo Corto.. due alberghi a Piazza Vittoria.. e dopo son sta fermo tre giri senza passar dal Via». Però, nonostante tutto, siccome mi son en Giudice magnanimo, vorrei dare un premio a Vanni Ceola, un riconoscimento per tutto quello che ha fatto in questi quattro anni.. una specie di «Premio alla CORRIERA». Giannizzeri, tonca! Vanni Ceola! Visto che la Trentino Trasporti la gà problemi de liquidi.. i liquidi ghei metten noi… Ecco che scende.. scende.. Bene, vi abbiamo presentato: en BUS nell’acqua!! (…)